» Appennino Reggiano - Cronaca - Reggio Emilia

Appennino: perseguita la ex moglie: denuncia e divieto di avvicinamento


Sarebbe stata la separazione a trasformarlo in un vero e proprio incubo per la sua ex moglie, portandolo a macchiarsi di una serie di condotte persecutorie per le quali, al termine delle indagini, i carabinieri della stazione di Casina l’hanno denunciato alla Procura reggiana che, condividendo con le risultanze investigative dei carabinieri, ha richiesto ed ottenuto dal GIP del Tribunale di Reggio Emilia, l’applicazione nei confronti dello stalker – un 48enne reggiano – la misura cautelare del divieto di avvicinamento all’abitazione e da qualunque altro luogo frequentato dall’ex moglie, prescrivendogli di mantenere comunque una distanza di almeno 500 metri dalla stessa, vietandogli inoltre di comunicare attraverso qualsiasi mezzo con la donna. Provvedimento di natura cautelare che l’altro ieri è stato eseguito dai carabinieri della stazione di Casina che hanno condotto le indagini.

Dopo la separazione, avvenuta nel settembre dell’anno scorso, l’uomo ha iniziato ad avere nei confronti dell’ex moglie comportamenti molesti e insistenti che si sono intensificati allorquando la donna ha intrapreso una nuova relazione sentimentale. L’intensificarsi nell’ultimo periodo delle condotte persecutorie, sfociate anche in un episodio di violenza fisica, hanno indotto la donna a denunciare i fatti culminati, al termine degli accertamenti condotti dai carabinieri di Casina con l’odierno provvedimento di natura cautelare. Stando ai capi d’imputazione l’uomo è accusato di atti persecutori per i continui pedinamenti, le continue richieste di informazione su dove si trovasse e i quotidiani insulti, al quale si aggiunge il reato di tentata rapina perché afferrandole con forza il braccio al fine di immobilizzarla, cercava di prenderle il cellulare senza riuscirci. Condotte persecutorie quelle dell’ex marito che hanno cagionato alla donna – 47enne reggiana – un perdurante e grave stato d’ansia e di timore per la propria incolumità tanto da vederla costretta a mutare le proprie abitudini di vita, in particolare a lasciare il lavoro e non uscire da casa da sola. Episodi delittuosi raccolti in una dettagliata denuncia che riscontrata dai carabinieri della stazione di Casina hanno portato all’odierno provvedimento restrittivo richiesto ed ottenuto dalla Procura reggiana titolare dell’inchiesta. I carabinieri della stazione di Casina, ricevuta l’ordinanza applicativa della misura cautelare, vi davano esecuzione sottoponendo l’uomo al provvedimento di divieto di avvicinarsi all’ex moglie, vietandogli inoltre di comunicare attraverso qualsiasi mezzo con la donna.




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine - Appennino notizie - Parma 2000
© 2017 · RSS PAGINA SASSUOLO · RSS ·
• 16 query in 0,429 secondi •