» Reggio Emilia - Scuola

Un liceo artistico più bello e più sicuro: al Chierici di Reggio Emilia conclusi i lavori


Un liceo artistico più bello, accogliente e funzionale – ma soprattutto più sicuro – quello che è stato presentato questa mattina dalla Provincia di Reggio Emilia, proprio alla vigilia del prossimo anno scolastico, a conclusione dei lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza anti-sismica che hanno interessato nei mesi scorsi il Chierici. “Un intervento importante, anche per l’importo dei lavori, 2,5 milioni di euro, che non è stato affatto scontato”, ha detto il presidente della Provincia di Reggio Emilia Giammaria Manghi ricordando il travagliato iter di questo cantiere.

“La Provincia aveva infatti assegnato questa somma già nel 2012, ma le risorse erano poi state bloccate da quel Patto di stabilità che per diversi anni ha impedito a tante pubbliche amministrazioni di non poter spendere tutte le risorse che pure si avevano a disposizione – ha aggiunto il presidente Manghi – Ma nel 2015, con una scelta controcorrente ed anche coraggiosa condivisa dalla maggioranza, come Provincia abbiamo deciso di non rispettare più quel vincolo e di sbloccare quei 2,5 milioni, avviando le procedure che poi nell’agosto 2016 ci hanno permesso di assegnare i lavori: tra una regola da rispettare e una priorità, come la sicurezza dei nostri studenti, da onorare, abbiamo optato per la seconda”.

Successivamente lo Stato avrebbe poi deciso di non applicare più sanzioni nei confronti delle pubbliche amministrazioni  che non rispettavano il Patto di stabilità e, dunque, tutto è bene quel che finisce bene: “Soprattutto perché oggi studenti, docenti e personale del liceo artistico possono disporre di una scuola che coniuga il bello alla sicurezza e, avviandoci verso la fine di un mandato, possiamo presentare il recupero di un edificio di pregio destinato all’educazione dei nostri giovani che rappresenta un investimento reale per la nostra comunità”, ha concluso Manghi.

Ma le buone notizie, per studenti e docenti del Chierici, non sono finite. “Grazie ad economie nei lavori sono infatti disponibili ancora 200.000 euro che verranno utilizzati nelle prossime settimane per ristrutturare il cortile interno ed i laboratorio di grafica”, ha annunciato la vicepresidente con delega all’Istruzione della Provincia di Reggio Emilia Ilenia Malavasi, che da assessore provinciale alla Scuola nel 2012 aveva ottenuto i finanziamenti poi bloccati dal Patto di stabilità. La vicepresidente Malavasi ha quindi evidenziato anche “l’importanza di questo vero e proprio cantiere partecipato, che grazie all’impegno della Provincia, delle imprese e della stessa scuola ci ha permesso di effettuare i lavori garantendo comunque la regolarità delle lezioni”.

Proprio sul lavoro di tecnici e maestranze si è soffermato il dirigente  del Servizio Infrastrutture ed Edilizia scolastica della Provincia Valerio Bussei, che ha parlato di “uno dei cantieri più complessi di questi ultimi vent’anni, avendo riguardato un edificio vincolato dal punto di vista architettonico”. Per quanto riguarda gli aspetti antisismici, la cui efficacia è per altro già stata collaudata con la scossa di nemmeno un mese fa, “si è realizzato nel sottotetto un piano ulteriore in legno per ancorare gli elementi di sommità, si è data continuità alle pareti verticali e si sono  irrigidite le aperture con telai in acciaio, chiudendone alcune specie in prossimità degli spigoli”.

“Gli obiettivi di questo intervento sono stati principalmente quattro:  mantenere le attività didattiche in corso, aumentare la sicurezza della scuola, adeguare gli impianti tecnologici agli standard attuali e migliorare i livelli di finitura”, ha aggiunto il direttore dei lavori Fausto Bisi, sottolineando come – oltre agli interventi anti-sismici – si sia “provveduto all’inserimento di nuovi cablaggi per dati e alimentazioni, alla posa di nuova illuminazione Led e di un nuovo impianto di rilevazione incendi, all’integrazione dell’impianto di climatizzazione invernale nonché nuova pavimentazione in graniglia di cemento,  tinteggio di due piani e sostituzione di porte  delle aule”.

Soddisfatta la dirigente scolastica Maria Grazia Diana “per un intervento davvero di qualità che ha reso più bella e più sicura una scuola che è molto cresciuta in questi ultimi anni”.

La scheda. La procedura di gara, un appalto integrato sulla base del progetto definitivo, è stata effettuata con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa e, nell’agosto 2016, ha portato all’aggiudicazione dei lavori  a un’Ati (associazione temporanea di imprese) costituita dalla capogruppo Coop Cattolica Costruzioni Edili e dalle mandanti Tecton e Torreggiani & C., con un ribasso sui lavori del 14,25% e 90 giorni di anticipo sul termine di ultimazione del cantiere.

Oltre al personale dell’Ufficio Tecnico della Provincia di Reggio Emilia il gruppo di lavoro che ha operato per la messa in sicurezza del Chierici era composto da:

  • Progettazione esecutiva: ing. Pier Antonio Gasparini associato con Ing. Franco Palù
  • per gli impianti elettrici e ing. Massimo Parenti per quelli meccanici;
  • Direzione lavori: arch. Fausto Bisi (Bisi & Merkus studio associato);
  • Responsabile della sicurezza, CSE: ing. Luca Aldrovandi;
  • Collaudatore: ing. Lorenzo Giordani;
  • Direttore tecnico dell’Impresa: geom. Paolo Cotti.




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine - Appennino notizie - Parma 2000
© 2017 · RSS PAGINA SASSUOLO · RSS ·
• 28 query in 0,477 secondi •