» Appennino Reggiano - Sanità

Castelnovo ne’ Monti, l’assessore Venturi sul caso della donna in gravidanza portata all’Arcispedale Santa Maria Nuova


L’indisponibilità dell’elicottero è stata “una situazione eccezionale”, tant’è che nella serata di lunedì 26 marzo si è ripresentata una condizione analoga che ha riguardato un’altra signora al sesto mese di gravidanza, “regolarmente trasportata in ospedale in elicottero. In ogni caso l’Azienda Usl di Bologna, titolare della convenzione, ha già chiesto una relazione alla società che gestisce il velivolo, anche per prevenire il ripetersi di situazioni analoghe”.

Così l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Sergio Venturi, ha risposto oggi in Assemblea legislativa ad un’interrogazione del consigliere Yuri Torri sul caso della signora al sesto mese di gravidanza per cui nella notte tra sabato e domenica scorsi era stato richiesto, a Castelnovo ne’ Monti (Re), l’intervento del 118. Il trasporto all’Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio è avvenuto in ambulanza con l’assistenza del medico, “in tutta sicurezza, poiché la signora non era in condizioni gravi e non presentava carattere di urgenza”. In un primo momento era stato richiesto il trasporto in elicottero per contenere i tempi di trasferimento; ciò non è stato possibile per un problema tecnico al velivolo.

A questo proposito, l’assessore ha ricordato il piano della Regione per estendere il servizio di elisoccorso: dopo l’individuazione delle prime 17 basi attrezzate per l’atterraggio e il decollo anche notturno, tra cui quella di Castelnovo ne’ Monti, è in corso un piano di rafforzamento che prevede ulteriori 142 elisuperfici, operative tra il 2018 e il 2019. In caso di impreviste avarie o malfunzionamenti dell’elicottero, qualora vi sia un’inderogabile necessità di trasporto con questo mezzo, le Centrali Operative 118 possono richiedere l’attivazione dell’elisoccorso delle regioni confinanti, a partire da quello situato nella base di Brescia; attivazione che peraltro è garantita reciprocamente. “Nel caso in questione- ha specificato Venturi-  l’attivazione non è stata necessaria: occorre infatti considerare che l’elisoccorso è un sistema che integra e non sostituisce le normali modalità di intervento a disposizione del sistema di emergenza urgenza”.

“Voglio precisare- ha sottolineato Venturi- che la signora sta bene ed è stata dimessa già il giorno successivo al ricovero. Per quanto riguarda il problema tecnico al mezzo, questo ha causato un’attesa nella piazzola di atterraggio a Castelnovo non di 40 minuti, come erroneamente riportato dalla stampa locale, ma di 5 minuti, trascorsi i quali l’ambulanza ha trasportato la paziente a Reggio Emilia, dove è arrivata una ventina di minuti oltre il tempo che l’elicottero avrebbe garantito”.

L’assessore ha ripercorso in Aula le tappe della vicenda, sottolineando la tempestività dell’intervento di assistenza: dopo la chiamata ricevuta dal 118, sono state inviate subito l’automedica e l’ambulanza al domicilio della signora. E il medico che l’ha visitata ha verificato che non c’era alcun segno di travaglio in atto, né di parto imminente. “Tuttavia- ha spiegato- in considerazione della gravidanza in corso e in presenza di una sintomatologia dolorosa addominale, è stato disposto il trasporto all’Arcispedale Santa Maria Nuova”. Tenuto conto che la signora è al sesto mese di gravidanza, che proviene da un’altra regione e che non è seguita dai servizi sanitari locali, “il ricovero è stato disposto in via cautelativa per eseguire gli accertamenti necessari per confermare il buon stato di salute della mamma e del feto”.

Se la signora avesse avuto un travaglio in atto “non avrebbe comunque potuto partorire ed essere assistita nell’Ospedale di Castelnovo ne’ Monti- ha precisato Venturi- anche qualora non fosse stata sospesa la funzione di assistenza al parto: si sarebbe trattato, infatti, di un parto al sesto mese di gravidanza, che richiede la presenza della Terapia intensiva neonatale”. E anche se avesse presentato un fattore di rischio medio alto legato alla gravidanza, “sarebbe comunque stata indirizzata verso strutture di riferimento specializzate quali il Punto nascita dell’Arcispedale Santa Maria Nuova, per garantire il diritto ad un’assistenza qualificata e sicura, per lei e per il neonato”.

L’assessore ha ricordato, infine, come la sospensione dell’attività di assistenza al parto nell’Ospedale di Castelnovo Monti sia stata disposta in seguito al parere del Comitato Percorso Nascita Nazionale, nonostante la richiesta di deroga presentata dalla Regione. L’Azienda, a sua volta, ha contestualmente riorganizzato l’assistenza al percorso nascita, potenziando e integrando le attività territoriali e ospedaliere in particolare sull’assistenza alla gravidanza e al puerperio e sulla continuità assistenziale al parto e in dimissione.

Il servizio Salute donna del distretto di Castelnovo Monti offre un percorso di assistenza durante la gravidanza, dopo la nascita, nel periodo del puerperio e dell’allattamento. Il Registro Gravide della Montagna raccoglie i dati necessari per consentire un intervento tempestivo da parte del 118 in caso di necessità. Per le donne con gravidanza a termine “è offerto un alloggio gratuito a Reggio Emilia, mentre dopo il parto- ha concluso Venturi- è possibile per le neomamme usufruire di visite a domicilio”.




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine - Appennino notizie - Parma 2000
© 2017 · RSS PAGINA SASSUOLO · RSS ·
• 30 query in 0,620 secondi •