» Modena - Sociale

8 marzo, l’incontro in Provincia a Modena: Regione firma Patto per le pari opportunità


«Per affermare a pieno i diritti delle donne c’è ancora tanto da fare.  E’ una battaglia faticosa che continueremo a portare avanti insieme, anche all’interno delle istituzioni, perché superare le discriminazioni di genere significa lottare contro ogni  discriminazione».

Lo ha affermato Roberta Mori, presidente della Commissione per la parità e per i diritti delle persone della Regione, siglando per conto della Regione, giovedì 8 marzo nella sede della Provincia, il “Patto di Modena per la prevenzione e il contrasto della violenza maschile sulle donne, in applicazione della convenzione di Istanbul e sulla base della legge per la Parita’ della Regione Emilia-Romagna”.

«Gli enti locali e le istituzioni modenesi – ha aggiunto Mori – sono ai primi posti per lo sviluppo di azioni positive a tutela delle donne, frutto dell’impegno anche delle associazioni, un’esperienza che dobbiamo diffondere in tutto il paese».

Sono intervenuti anche Gian Carlo Muzzarelli, presidente della Provincia di Modena, che ha firmato il Patto in rappresentanza della Provincia, Caterina Liotti, consigliera provinciale delegata alle Pari opportunità, Barbara Maiani, consigliera di parità della Provincia, e Irene Guadagnini, assessora alle Pari opportunità del Comune di Modena, sindaci e rappresentanti delle associazioni.

Durante la discussione Barbara Maiani ha illustrato l’attività del proprio ufficio che si è concentrata soprattutto sulle discriminazioni nei luoghi di lavoro, mentre Caterina Liotti ha illustrato i contenuti del Patto, approvato nei mesi scorsi anche da Provincia e dai sindaci modenesi, che ha come obiettivo la promozione di politiche attive per le pari opportunità.

Nel Patto gli enti locali si impegnano, tra l’altro, a promuovere la rappresentanza paritaria nei vari organismi e nelle nomine dei Comuni e prevedere in ogni giunta comunale una delega specifica alle pari opportunità.

Il Patto prevede anche l’impegno a promuovere l’intitolazione di spazi pubblici, vie, strade, piazze, rotonde a donne meritevoli ed esemplari che possano costituire modelli positivi per le nuove generazioni, dotare le biblioteche di autrici femminili, anche nella sezione per ragazzi e ragazze e favorire all’interno dell’ente un linguaggio non discriminante.

 

L’UFFICIO DELLA CONSIGLIERA DI PARITÀ, PUBBLICO UFFICIALE CONTRO LE DISCRIMINAZIONI

Promuovere le pari opportunità attraverso l’attività di conciliazione per la prevenzione e la lotta contro le discriminazioni tra donne e uomini nel mondo lavoro. E’ questo il compito principale delle consigliere di parità della Provincia di Modena, Barbara Maiani, affiancata dalla supplente Giovanna Zanolini.

Le consigliere sono di nomina ministeriale (ministero del Lavoro e delle politiche sociali di concerto con quello delle Pari opportunità) su designazione del presidente della Provincia.

Nell’esercizio delle funzioni di conciliazione e tutela loro attribuite hanno il ruolo di pubblico ufficiale con l’obbligo di segnalare all’autorità giudiziaria i casi di discriminazione e i reati di cui vengono a conoscenza.

Per informazioni e segnalazioni l’Ufficio della Consigliera di Parità si trova nella sede della Provincia di Modena, viale Martiri della Libertà 34; telefono   059.209.355 e riceve su appuntamento nella giornata di lunedì dalle ore 14.30 alle ore 17.00.




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine - Appennino notizie - Parma 2000
© 2017 · RSS PAGINA SASSUOLO · RSS ·
• 18 query in 0,403 secondi •