» Reggio Emilia - Salute - Sanità

Giornata mondiale del rene 2018 a Reggio Emilia: un’importante occasione di prevenzione offerta alla cittadinanza


La Giornata Mondiale del Rene da molti anni viene celebrata in tutto il mondo il secondo giovedì di marzo (World Kidney Day) per promuovere la prevenzione delle malattie renali. In Italia, dal 2004, è promossa dalla Fondazione Italiana del Rene (FIR) Onlus, in collaborazione con la Società Italiana di Nefrologia e la Croce Rossa Italiana.

La Struttura Complessa di Nefrologia e Dialisi dell’Ospedale S. Maria Nuova, diretta dalla dr.ssa Mariacristina Gregorini, parteciperà all’iniziativa presso il Centro Commerciale Ipercoop Baragalla a Reggio Emilia, nella giornata dell’8 marzo, dalle ore 10.00 alle ore 17.00, con medici ed infermieri che volontariamente e gratuitamente offriranno alla cittadinanza una importante occasione di prevenzione, con il controllo gratuito della pressione arteriosa e dell’esame urina.

Ai cittadini che parteciperanno verrà rilasciato un referto con il risultato degli esami; se necessario un approfondimento nefrologico, verrà assicurato un percorso dedicato presso gli ambulatori della Nefrologia, in modo da garantire una adeguata presa in carico.

Il precoce riconoscimento di alcuni segni, come ipertensione arteriosa e proteinuria, può permettere di prevenire un danno renale irreversibile; la malattia renale cronica rappresenta infatti un problema di salute pubblica, per le sue importanti conseguenze in termini di impatto sociale ed economico, oltre che sulla qualità di vita delle persone.

La popolazione affetta da insufficienza renale terminale, che necessita della dialisi, è in costante aumento nel mondo, soprattutto in Nord America ed Europa; ma per ogni persona in dialisi si stima che ce ne siano circa 150 con un certo grado di compromissione della funzione renale, per cui è fondamentale conoscere il problema e cercare di mettere in atto la prevenzione.

Nella Provincia di Reggio Emilia attualmente sono 348 le persone in dialisi e 166 quelle portatrici di trapianto renale; ogni anno entrano in dialisi circa 80 nuovi pazienti.

Le cause principali di insufficienza renale cronica terminale sono l’ipertensione arteriosa e il diabete, condizioni estremamente diffuse in tutto il mondo.

I soggetti maggiormente a rischio di sviluppare malattia renale sono le persone di età superiore a 65 anni, con ipertensione, diabete, obesità, cardiopatia ischemica; gli individui con familiarità per malattie renali e coloro che fanno uso continuativo di farmaci potenzialmente tossici per i reni (come antinfiammatori, sali di litio, mesalazina…).

La malattia renale cronica, proprio come il diabete e l’ipertensione, è spesso insidiosa e provoca, senza particolari sintomi iniziali, gravi conseguenze anche sul sistema cardiovascolare: aumento di infarto e ictus e della mortalità per tali cause, che arriva ad essere 100 volte superiore nelle persone con malattia renale cronica rispetto alla popolazione generale.

Il costo della terapia dialitica è enorme, e non solo in termini umani: per ogni dializzato sono necessari circa 50.000 euro all’anno: questo significa che ritardare anche di un solo anno l’ingresso in dialisi di una persona fa risparmiare circa 50.000 euro, che possono essere spesi per curare più persone. Anche per questo è necessario potenziare in ogni modo la prevenzione delle malattie renali, iniziando precocemente, per rallentare il più possibile o addirittura bloccare l’evoluzione della malattia renale cronica.

 




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine - Appennino notizie - Parma 2000
© 2017 · RSS PAGINA SASSUOLO · RSS ·
• 15 query in 0,389 secondi •