» Ceramica - Economia

L’industria europea chiede all’UE di mostrare la sua spina dorsale verso la Cina


mappa_cina_grandeIn vista del Vertice UE-Cina a Pechino il 12-13 luglio, AEGIS Europa, un’alleanza di oltre 30 associazioni manifatturiere europee, invita il Presidente della Commissione europea Juncker e il Presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, a  prendere una posizione chiara contro il dumping, l’eccesso di capacità produttiva e sovvenzioni illegali cinesi.

“La Cina non è un’economia di mercato e, pertanto, non può essergli concesso lo stato di economia di mercato (MES) dall’UE. È di fondamentale importanza per tutte le industrie europee che le misure antidumping siano calcolate correttamente e rimangano efficaci e possibili  in base al diritto commerciale dell’UE,” ha detto Milan Nitzschke, portavoce di AEGIS Europa.

L’economia pianificata della Cina dirige sistematicamente le sovraccapacità produttive e quindi offre prodotti al di sotto dei costi di produzione sui mercati internazionali per sopraffare la concorrenza.

Guy Thiran, direttore generale della Eurometaux, l’associazione europea dei metalli non ferrosi ha spiegato, ” le sovraccapacità cinesi  influiscono su tutti i metalli non ferrosi.  Prendete  per esempio l’alluminio : la quota della Cina sulla  produzione mondiale è salito alle stelle a oltre il 50% negli ultimi dieci anni.  Nello stesso periodo, un terzo di fonderie europee hanno chiuso i battenti. Con l’eccesso di capacità della Cina ora cinque volte più grande di produzione primaria europea, la  concessione  di MES presenta prematuramente un rischio reale per 80.000 lavoratori nel settore dell’ alluminio “.

Vidmantas Janulevičius, CEO di Global Group BOD e Solitek, i maggiori produttori di CD, DVD, lenti oftalmiche e celle solari in Europa centro-orientale, ha detto: “Norme internazionali devono essere applicate a tutti i paesi.  Se l’UE non avesse  agito contro il dumping con forza, la mia società non  avrebbe mai investito in tecnologia solare – una delle tecnologie chiave in Europa.  Se inchieste antidumping fossero  impossibili in futuro, massicci investimenti produttivi in Europa andrebbero persi per sempre “.

“Alfonso Panzani, Presidente di Ceramiche Settecento e vicepresidente di Cerame-Unie ha detto:”Il dumping cinese è molto più che nell’acciaio.  Ogni azienda, in particolare quelle piccole che producono prodotti in Europa, saranno interessate. Attualmente ci sono circa 100.000 posti di lavoro in gioco nell’industria ceramica europea interessata dal antidumping.  L’80% di loro sono piccole e medie imprese, la spina dorsale dell’economia dell’UE.  L’UE deve mantenere un sistema di difesa commerciale solido ed efficace e non accettare la domanda cinese di misure antidumping.”

“Il silicio  è un chiaro esempio di quello che la Cina è in grado di fare: massiccia sovraccapacità produttiva, persistente dumping  ed  elusione dalla Cina per oltre 25 anni, nonostante le misure antidumping in atto e il procedimento antielusione “,  ha sottolineato Ines Vanlierde, presidente del AEGIS Europa e Segretario Generale della Euroalliages.

“L’UE possiede i più alti divieti per  introdurre strumenti di difesa commerciale rispetto a Stati Uniti e Canada. Le tariffe, per esempio, sulle importazioni di silicio provenienti dalla Cina sono l’80 per cento inferiore rispetto a quelle in vigore negli USA, ripete Vanlierde,  aggiungendo: “MES alla Cina distruggerebbe  la capacità di difesa commerciale dell’Europa, e distorcerebbe  i mercati competitivi”.

I settori europei rappresentati sottolineano che l’Europa ha lottato per anni con la dislocazione sociale, la disoccupazione e l’erosione della sua base industriale. “In un momento di crescente instabilità, l’UE deve fare tutto il possibile per mantenere posti di lavoro di qualità, per proteggere il know-how e per  creare un ambiente  fertile per gli investimenti in posti di lavoro e  tecnologia”, ha detto Nitzschke.

“Domani Il vertice economico  UE-Cina sarà  un momento critico per chiarire che l’UE non può mettere in pericolo la crescita e l’occupazione, e che la Cina deve rispettare le regole che ha accettato, su come si deve rapportare  con i suoi partner commerciali, quando ha aderito alla WTO,” ha concluso Nitzschke.

 

Riguardo a AEGIS Europa.

AEGIS Europa riunisce circa 30 associazioni europee che rappresentano una vasta gamma di settori, tra cui le industrie tradizionali, rami di consumatori, piccole e medie imprese e i settori delle energie rinnovabili, che rappresentano oltre 500 miliardi di € di fatturato annuo e milioni di posti di lavoro in tutta l’UE. Questa alleanza industriale , fatta di leader nella produzione sostenibile e responsabilità sociale e ambientale, si impegna nei confronti della manifattura europea come il driver fondamentale di innovazione, di  crescita e di occupazione in Europa.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.aegiseurope.eu .

 




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine - Appennino notizie - Parma 2000 - Scandiano 2000
© 2019 · RSS PAGINA SASSUOLO · RSS ·
• 14 query in 0,281 secondi •